Blog

Lampade da terra: le più belle di design per un soggiorno moderno

Avete presente la sensazione di incompletezza che si ha guardando un angolo di casa non finito? Succede quando anche un solo elemente del progetto d’interni viene a mancare. L’illuminazione è uno degli aspetti più importanti, poiché è in grado di trasformare gli spazi domestici conferendogli un aspetto unico, totalmente personalizzabile

Avete presente la sensazione di incompletezza che si ha guardando un angolo di casa non finito? Succede quando anche un solo elemento del progetto d’interni viene a mancare. L’illuminazione è uno degli aspetti più importanti, poiché è in grado di trasformare gli spazi domestici conferendogli un aspetto unico, totalmente personalizzabile.

Comprendere a fondo l’importanza dell’illuminazione è una cosa non da poco, al di là della sua primaria funzione, atta a garantire il regolare svolgimento delle funzioni, permette di affinare ogni aspetto o dettaglio impostato con la progettazione e l’arredamento. E’ per questo che è necessario uno studio mirato di ogni corpo luce della casa.

Errori da evitare

Ma quali sono gli errori progettuali più comuni?

  1. Non avere un progetto di partenza. Dal quale si evidenziano le diverse aree e azioni che si svolgono, stanza per stanza
  2. Scegliere una luce per un intero spazio. Seppur piccolo, all’interno di ogni stanza sono almeno due le azioni che si compiono, e per ognuna è importante studiare un’illuminazione dedicata, funzionale allo svolgimento di ogni funzione
  3. Non legare luci a colori e materiali. Ogni oggetto che inserite in una stanza, come un uomo all’interno di un gruppo, deve essere in grado di comunicare un messaggio, attraverso un linguaggio unico. Scegliere le luci senza pensare alla gamma cromatica o alla temperatura (luce calda 2.700-3-.500 K, luce naturale 4.000-5.000K, fredda 5.000K-7.000K) e non verificare l’effetto può avere su una parete di un certo colore e finitura, è un errore
  4. Non inserire una luce di cortesia. L’umore varia molto in base alla luce osservata, per questo motivo occorre prevedere una fonte d’atmosfera, più delicata e discreta di quella indiretta.

Come si progetta la luce?

  • E’ una domanda molto complessa, solitamente assieme al cliente mi affido sempre a un tecnico illuminotecnico, poiché credo molto della specializzazione di ogni mestiere.

La soluzione migliore è quella che prevede una combinazione di luce: quella ambientale, funzionale e d’accento assieme. Così facendo creerete una stanza calda e accogliente che ospiterà una varietà di scenari distinti per situazioni.

  • La prima domanda che potete farvi, prima di acquistare la vostra lampada è: cosa vedo e cosa faccio in questo spazio? In seconda battuta, se avete delle opere  d’arte o avete ricavato un angolo architettonico particolare che merita di essere evidenziato, come illuminare ed esaltare queste zone?

Ragionare per livelli è sempre la cosa migliore quando si aggiunge qualcosa nella propria casa, quindi sentitevi liberi di accostare, parallelamente a un progetto su carta,  piantane, lampadari e lampade da tavolo per soddisfare, dal punto di vista della luce, ogni esigenza.

E’ studiato che l’ambiente all’interno del quale si trascorre più tempo è il salone, indipendentemente dall’utilizzo che se ne fa. Guardando la televisione, riposandosi o leggendo un buon libro. Ma quali sono allora le lampade da terra più belle, iconiche ed intriganti? Vediamole assieme.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Menu Principale x
X